Rubriche Ultimissime

Consigli per guida off road

L’esperienza insegna, quindi a piccoli passi sarà necessario praticare in diverse situazioni e ancora meglio seguire dei corsi base di guida off road che aiutano sicuramente a non mettersi in pericolo. Detto questo vediamo alcune regole per affrontare fondi stradali diversi.

 

Fondo sterrato

Nella guida su percorsi sterrati e misti è opportuno utilizzare la trazione integrale. Quando l’asfalto non aderisce completamente al pneumatico la tenuta di strada e le traiettorie di guida cambiano notevolmente. Non sono necessarie marce ridotte ma piuttosto l’uso di marce alteper avere un regime prossimo alla coppia e mantenere una buona risposta di accellerazionecon un adeguato freno a motore.

Evitare le brusche accellerate che possono rovinare il terreno, sollevare polvere e scagliare sassi pericolosi contro il veicolo in prossimità di punti delicati senza protezioni. Può essere utile mantenere la pressione dei pneumatici leggermente inferiore in modo da agevolare il lavoro delle sospensioni.

 

Fondo roccioso

Inseriamo il riduttore e godiamoci il viaggio. Ecco cosa fare quando ci troviamo sopra ad un fondale roccioso. La velocità di crociera è da trial, e il fuoristrada deve appoggiarsi alle asperità della roccia senza impattare causando danni ai pneumatici e alle sospensioni. E’ utile avere la pressione dei pneumatici inferiore per avere ancora più aderenza in deformità. Detto questo dobbiamo affidarci alla cavalleria permettendo al nostro fuoristrada di arrampicarsi sull’ostacolo.

 

Fondo fangoso

La guida su fango prevede una preparazione meccanica e esperienza, anche se il fondo fangoso attrae particolarmente nella pratica offroad i meno esperti. A seconda della densità e della profondità di questo fondale sarà necessario affrontare il superamento in maniera differente. Una buona modalità di approccio è la velocità costante e relativamente bassa, non bisogna creare condizioni di fermo o lasciare che il pneumatico inizi a scavare. Anche lo sterzo deve essere usato con cautela evitando manovre brusche.

Il pneumatico dovrà essere preferibilmente stretto, alto e tassellato in modo da disperdere il fango durante il rotolamento, questo aspetto è molto importante se vogliamo continuare ad avere aderenza e permettere l’avanzamento.

 

Fondo sabbioso

Guidare in mezzo alle dune di sabbia richiede pazienza, il nostro fuoristrada dovrà mantenere una velocità tale da poter galleggiare senza piantarsi. La partenza deve essere dolce ed effettuata con marce lunghe, anche le manovre di sterzo devono seguire traiettorie allargate. E’ importante valutare il momento in cui arrestare la marcia, meglio sostare in un punto in discesa per facilitare la ripresa della traversata.

Scegliere di transitare in punti dove la sabbia è regolare facilita la guida e aiuta ad evitare gli insabbiamenti. I pneumatici devono avere una tassellatura poco pronunciata e garantire aderenza con la sabbia piatta, utilizzate una pressione inferiore per permettere al pneumatico di deformarsi e aderire meglio al fondale.